Comunicati FGU RICERCA ANPRI News Ultime notizie 

COMUNICATO 4 marzo 2021 Incontro con la prof.ssa Maria Cristina Messa, nuova Ministra dell’Università e della Ricerca

Immagine che contiene persona, sedendo, portatile

Descrizione generata automaticamenteMartedì 2 marzo la nuova Ministra dell’Università e della Ricerca, la prof.ssa Maria Cristina Messa, ha incontrato le rappresentanze sindacali dei settori Università e Ricerca vigilati dal Ministero da lei presieduto. Come FGU Dipartimento Ricerca ci siamo congratulati con la Ministra augurandole un sincero buon lavoro che sicuramente si svolgerà in condizioni particolarmente difficili dovute al particolare momento storico. Abbiamo sicuramente apprezzato la sollecitudine con la quale la Ministra ha risposto alla richiesta di convocazione delle OO.SS. e quindi compreso anche il contingentamento dei tempi dell’incontro in riferimento ai quali la Ministra ha voluto dare ampie rassicurazioni, sia in merito alla continuazione dei tavoli tecnici a suo tempo aperti presso il Ministero, sia prevedendo la programmazione di successivi incontri di tipo “politico” per i quali si è esplicitamente impegnata.

            Abbiamo, come FGU Dipartimento Ricerca, voluto esporre alla Ministra la necessità di un approccio di “sistema” nei confronti del settore che non può che partire da una visione complessiva dello stesso, a questo proposito abbiano citato la sua intervista ( a nostra conoscenza, prima uscita pubblica come membro del governo Draghi ) riportata dal Sole 24 ore (1), in cui ha in effetti dato una prima anticipazione, inevitabilmente sommaria, di quelle che saranno le principali priorità del suo programma di attività al Ministero. Ci permettiamo una ulteriore sintesi rispetto all’articolo citato per poter meglio esemplificare le nostre considerazioni:

  • « ….aumentare e anche rendere più flessibile il sistema per avere più laureati in Italia,… ma anche di specialisti, dottorati e professionisti…»
  • « ….E quando pensi a un sistema della ricerca devi identificare gli attori che sono tanti, sono il ministero, le Università, gli enti di ricerca e le accademie e devi fare in modo che queste strutture siano equivalenti in termini di carriere, risorse, rilevanza e importanza. Occorre una sinergia tra le nostre istituzioni che fanno ricerca e una mobilità tra le strutture di ricerca molto più semplice di quella che c’è oggi. …»
  • « ….finanziare ricerca e didattica in maniera adeguata. In questo aspetto del finanziamento rientrano in primo luogo il capitale umano, …»

Condividiamo sicuramente queste enunciazioni di principio, in particolare lì dove si sottolineano “equivalenti in termini di carriere, risorse, rilevanza e importanza” e speriamo di poterli considerare come un viatico per il lavoro da svolgere insieme soprattutto per le ricadute pratiche su almeno due aspetti rilevanti attualmente in discussione:

  • il rinnovo contrattuale, con particolare riferimento al tavolo paritetico presso l’ARAN per la “riforma” dell’ordinamento professionale che risale al DPR171/1991;
  • la legge di riforma del pre-ruolo e del reclutamento, in discussione nel comitato ristretto presso la settima commissione della Camera dei Deputati, focalizzata al momento sull’Università ma che riteniamo imprescindibile venga estesa anche agli Enti di Ricerca in particolare per la parte che riguarda l’introduzione della tenure track e della semplificazione delle tipologie di contratti pre-ruolo.

Passando a problematiche meno generali abbiamo sottolineato almeno tre punti, ovviamente selezionati da un elenco potenzialmente molto più lungo, che riteniamo particolarmente cogenti ed esemplificativi:

  • È ormai da circa un anno che, al di là dei vari avvicendamenti normativi legati anche alla pandemia, nei fatti il CNR è privo di una guida essendo venuta a scadenza la carica del Presidente Inguscio. E’ allo stesso tempo inspiegabile come non ci sia stata la nuova nomina pur in presenza di una cinquina di candidati individuata secondo le regole previste dalla legge 213/2009. Nel frattempo, la stessa Ministra ha recentemente nominato le presidenze di altri tre enti in scadenza. Non possiamo, come FGU Dipartimento Ricerca, che esprimere un forte disappunto per questa incresciosa situazione che mette in gravi difficoltà il principale ente pubblico di ricerca e ci auguriamo che la Ministra riesca nel più breve tempo possibile a porvi rimedio tutelando i principi di una nomina ispirata a criteri di competenza e valore scientifico del nuovo Presidente.
  • Abbiamo inoltre ricordato come la vicenda delle stabilizzazioni previste dalla legge 75/2017 (legge Madia) non si sia ancora conclusa, sottolineato in particolare come lo stesso ministero può contribuire emanando il Decreto Ministeriale di riparto dei fondi previsti allo scopo dal comma 541 della legge di Bilancio 2021, in assenza del quale gli Enti possono essere in difficoltà nel definire i loro  piani di fabbisogno del personale e quindi la programmazione delle assunzioni.
  • Infine, abbiamo ricordato come ancora molte parti del D.Lgs. 218/2016 non sono state applicate ed alcune sono di esclusiva competenza del MUR, quali ad esempio l’istituzione del CNRT (Consiglio Nazionale dei Ricercatori e Tecnologi).

La ministra Messa nelle sue conclusioni ha dato risalto ad alcuni specifici argomenti: la legge di riforma del reclutamento per la quale ha chiesto un esplicito supporto nel suo percorso parlamentare; al problema del nuovo ordinamento, che dovrebbe essere orientato al mantenimento delle alte professionalità presenti nell’Università e negli Enti di Ricerca; le problematiche relative alla tempistica dei decreti di riparto. Notiamo invece,  con dispiacere e accresciuta preoccupazione, un totale silenzio sulla grave situazione in cui si trova il CNR a causa della mancata nomina del suo Presidente.

            FGU Dipartimento Ricerca esprime la sua fiducia alla nuova Ministra dell’Università e della Ricerca augurandoLe i migliori auspici per il suo futuro lavoro alla guida di un Ministero a nostro avviso di grande rilevanza per il futuro del Paese tutto, nell’ottica della auspicata ripresa di cui tutti abbiamo bisogno.

                                      FGU – Dipartimento Ricerca – Sezione ANPRI

  1. http://scuola24.ilsole24ore.com/art/universita-e-ricerca/2021-02-17/messa-aumentare-laureati-e-risorse-adeguate-ricerca-180742.php?uuid=ADEzwaKB

_______________________________________________________________

FGU (Federazione Gilda UNAMS) - Dipartimento Ricerca

Via Tortona 16 – 00183 Roma,    tel. 06.7012666 Email:  info@fgu-ricerca.it     sito: www.anpri.fgu-ricerca.it

https://anpri.fgu-ricerca.it/wp-content/uploads/2021/03/comunicato_Incontro_MinistroMessa_04-03-2021_finale.pdf

Post correlati

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti