FGU-DR lettera 6 ottobre SZN Valutazione Prodotti in Smart Working

Napoli, 6 ottobre 2020

Prot:27/2020

al prof. Roberto Danovaro

Presidente della SZN

e p.c. ai Ricercatori e Tecnologi della SZN

Oggetto: Richiesta di documentazione di prodotti della ricerca durante le attività di Smart Working

Egregio Presidente,

con riferimento alla sua lettera dello scorso 30 settembre, la FGU-DR-ANPRI intende innanzitutto ringraziarla per i chiarimenti offerti, ma si vede altresì costretta ad evidenziare alcuni punti della sua lettera che non appaiono convincenti.

In primo luogo, come da lei riportato, il D.Lgs 218/2016 include, tra i doveri dei R&T, quello di “rendere verificabili le attività di ricerca espletate”. Purtuttavia, molti dei “prodotti della ricerca” da lei richiesti il 15 settembre scorso (in particolare, quelli di cui al punto 1) “pubblicazioni scientifiche inviate alle riviste” e 2) “revisioni di precedenti sottomissioni corrette e inviate alle riviste”) sono prodotti di attività di ricerca ancora in via di espletamento, e quindi non rientranti tra quelli previsti dalla succitata norma di legge. Norma di legge che, peraltro, proprio nella sua formulazione, intende garantire la riservatezza dei manoscritti (e loro revisioni) inviati alle riviste o ai convegni scientifici prima della loro pubblicazione.      

Peraltro, appare strano il fatto che, solo in questa occasione, sia arrivata ai R&T tutti della SZN la richiesta di inviare un elenco così articolato ed esteso di “prodotti della ricerca” e che analoga richiesta generalizzata a tutti i Ricercatori e Tecnologi non sia mai stata formulata in epoca pre-Covid, benché la suddetta norma di legge, da lei citata a sostegno della sua richiesta, sia vigente da quasi 4 anni.

Continua, inoltre, ad essere non convincente la motivazione addotta nella sua richiesta del 15 settembre, ossia la volontà di verificare i “potenziali effetti delle attività di Smart Working nel periodo di emergenza COVID19”, dato che non leggiamo, nella sua lettera, alcuna smentita in ordine alla non esistenza di dati storici analoghi, raccolti in periodi pre-Covid, che consentano una valutazione comparativa degli effetti del lavoro agile e/o una indicazione circa l’efficacia di detto strumento sul medio termine.  

Peraltro, la giustissima necessità di “identificare misure atte a sostenere l’attività della ricerca durante lo SW, ancor più in considerazione di possibili recrudescenze, peraltro già evidenti, della pandemia da COVID19”  presuppone, ad avviso della FGU-DR-ANPRI, non già l’invio da parte dei R&T dei “prodotti della ricerca” conseguiti durante l’emergenza Covid19, quanto piuttosto un monitoraggio presso i Ricercatori e Tecnologi delle difficoltà lavorative incontrate durante l’emergenza, con l’indicazione di eventuali interventi organizzativi e/o gestionali che ne riducano l’impatto negativo. 

Infine, non va dimenticato che lo svolgimento nella SZN delle attività in modalità agile durante l’emergenza Covid non è subordinato alla produttività dei R&T e/o alla efficacia o convenienza del lavoro agile, ma è attualmente regolamentato dalla Legge n. 77/2020 che prevede, in particolare (si veda anche la Circolare 3/2020 della Presidenza del Consiglio dei Ministri), che dal 15 settembre il lavoro agile sia applicato al 50% del personale che svolge attività compatibili con la modalità agile, “ferma restando la necessità, per le stesse amministrazioni, di aggiornare ed implementare la mappatura di quelle attività che, in base alla dimensione organizzativa e funzionale di ciascun ente, possano essere svolte in modalità agile”, mappatura che la SZN sembra non aver ancora effettuato, o almeno non l’ha ancora resa nota.

Pertanto la FGU-DR ritiene ancora non adeguatamente motivata e giustificata la sua richiesta dello scorso 15 settembre, richiesta che peraltro, come già segnalato, mortifica i R&T dell’Ente, mettendone in discussione anche l’onestà, avendo già gli stessi autocertificato mensilmente le attività svolte con un dettaglio che contrasta con la propria autonomia, ma cui hanno finora sottostato per spirito di collaborazione in un momento così critico per il paese tutto.

Distinti saluti,

Gianpaolo Pulcini

FGU – DR-ANPRI

https://anpri.fgu-ricerca.it/wp-content/uploads/2020/10/Lettera-6-ottobre-Valutazione-Prodotti-in-Smart-Working-1.pdf

Post correlati

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti